Carlos Drummond de Andrade


• Carlos Drummond de Andrade (Itabira, 31/10/1902 - Rio de Janeiro, 17/08/1987) fu un poeta, narratore e cronista brasiliano, tra i più rappresentativi del XX secolo. Fece parte della seconda generazione del modernismo brasiliano.
• Nono figlio di una famiglia di proprietari terrieri, Carlos trascorse la sua infanzia nella sua regione natale. Entrò nel 1916 nel Colégio Arnaldo di Belo Horizonte, ma a causa della sua salute fragile, dovette ritornare a Itabira dove ricevette un’istruzione privata.
• Successivamente, fu mandato a studiare dai Gesuiti, presso il Colégio Anchieta di Nova Friburgo e la sua prima prosa poetica «Onda» venne pubblicata sul giornale locale di Itabira. Nel 1919, in seguito a un incidente col suo professore di portoghese, fu espulso dalla scuola per «insubordinazione mentale»
• Nel 1920, la sua famiglia si trasferì a Belo Horizonte. Qui Carlos cominciò a frequentare gli ambienti letterari, gli habitué della Libreria Alves e del Café Estrela. Si iscrisse nel 1923 alla Scuola di Odontologia e di Farmacia, e l'anno successivo, fece la conoscenza, al Grand Hôtel di Belo Horizonte, di Blaise Cendrars, Mário de Andrade, Oswald de Andrade e della pittrice Tarsila do Amaral, al ritorno da un’escursione delle città storiche del Minas Gerais
• Nel 1925 sposò Dolores Dutra de Morais, da cui avrebbe avuto una figlia, Julieta. Non essendo interessato né alla professione di farmacista né alla vita rurale, Carlos cominciò a insegnare geografia e portoghese a Itabira. Tornato poi a Belo Horizonte, divenne, dapprima, caporedattore del “Diário de Minas”, impiego che abbandonò di lì a poco per entrare al “Minas Gerais”, l'organo ufficiale dello stato. Villa-Lobos compose una serenata sul testo di una sua poesia «Cantiga de viúvo».
• Nel 1930 pubblicò la sua prima raccolta di poesie, ed entrò nel gabinetto del suo amico Gustavo Capanema, governatore del Minas Gerais. Suo padre morì l’anno successivo. Si trasferì nel 1934 a Rio de Janeiro, e divenne capo di gabinetto, quando Capanema fu nominato ministro dell'Educazione. Durante quegli anni, Carlos continuò anche a lavorare come caporedattore di diversi giornali.
• A partire dall’uscita di Sentimento do Mundo, nel 1940, Carlos pubblicò una trentina di raccolte di poesia. Si dedicò anche alla traduzione di opere di grandi autori della letteratura francese, tra cui François Mauriac, Honoré de Balzac e Choderlos de Laclos. Lasciò nel 1945 il suo incarico di capo di gabinetto di Capanema, e fu, per qualche tempo, codirettore del quotidiano comunista Tribuna Popular. Successivamente assunse la direzione della sezione Storia del Patrimônio Histórico e Artístico Nacional (DPHAN). L'anno dopo, gli fu conferito il Premio della Società Felipe d’Oliveira per la sua opera.
• Nel 1948 morì sua madre. Mentre a Itabira si celebrava il suo funerale, a Rio de Janeiro si rappresentò la prima dell’opera di Villa-Lobos Poéma de Itabira, basata sulla poesia di Carlos Viagem na família.
• Cominciò nel 1954 a pubblicare delle cronache sotto il titolo di “Imagens”, nel Correio da Manhã. Il giornale avrebbe mantenuto questa rubrica fino al 1969. Nel 1959, la sua traduzione di Doña Rosita la Soltera, di García Lorca, ricevette il Premio Padre Ventura.
• A 60 anni, nel 1962, diede alle stampe una delle sue antologie poetiche e una raccolta di novelle e cronache, A bolsa & a vida, che descrive, con uno stile agile, fluido e umoristico, gli aspetti della realtà brasiliana e mondiale nel corso degli anni ‘50. Si dedicò inoltre alla traduzione di Maeterlinck e Molière, e ricevette nuovamente il Premio Padre Ventura. Infine, dopo essere stato per 35 anni pubblico funzionario, si ritirò in pensione mentre ricopriva la carica di capo sezione della Diretoria do Patrimônio Histórico e Artístico Nacional (DPHAN).
• Iniziò una serie di programmi Cadeira de Balanço, per la radio del Ministero dell'Educazione, e negli anni successivi, continuò la pubblicazione di raccolte poetiche, cronache, novelle. Ricevette numerosi premi, ma rifiutò, per motivi di coscienza, il Prêmio Brasília de Literatura, della Fundação Cultural do Distrito Federal.
• Dopo 64 anni dedicati al giornalismo, nel 1984 pose fine alla sua carriera di cronista. Due anni dopo, colpito da un infarto, fu ricoverato per due settimane in ospedale.
• Nel 1987, la scuola di samba Estação Primeira de Mangueira gli rese omaggio con il samba-enredo «O reino das palavras», vincendo il Carnevale di quell’anno. Il 5 di agosto, perse la sua unica figlia, Maria Julieta, vittima di un cancro. Anche lo stato di salute del poeta si aggravò e, dodici giorni dopo, Carlos Drummond de Andrade morì a causa di complicazioni cardiache. Fu inumato nello stesso sepolcro della figlia nel Cimitero São João Batista di Rio de Janeiro.
*
OPERE POETICHE PUBBLICATE (28 raccolte di poesie e 8 antologie)


• 1930 Alguma Poesia
• 1934 Brejo das Almas
• 1940 Sentimento do Mundo
• 1942 José
• 1945 A Rosa do Povo
• 1948 Novos poemas
• 1951 Claro Enigma
• 1954 Fazendeiro do Ar
• 1954 Quadrilha
• 1955 Viola de Bolso
• 1964 Lição de Coisas
• 1968 Boitempo
• 1968 Un Falta Que Ama
• 1968 Nudez

• 1973 As Impurezas do Branco
• 1973 Menino Antigo (Boitempo II)
• 1977 A Visita
• 1977 Discurso do Primavera
• 1977 Alguma Sombra
• 1978 O Marginal Clorildo Gato
• 1979 Esquecer para Lembrar (Boitempo III)
• 1980 A Paixão de Medida
• 1983 Caso do Vestido »
• 1984 Corpo
• 1985 Amar se aprende amando
• 1988 Poesia Errante
• 1992 O Amor Naturel
• 1996 Farewell

ANTOLOGIE POETICHE:


• 1950 A última pedra no meu caminho
• 1956 50 poemas escolhidos pelo autor
• 1962 Antologia Poética
• 1965 Antologia Poética
• 1971 Seleta em Prosa e Verso
• 1975 Amor, Amores
• 1982 Carmina drummondiana
• 1987 Boitempo I e Boitempo II




OPERE IN PROSA:


• 1944 Confissões de Minas
• 1951 Contos de Aprendiz
• 1952 Passeios na Ilha
• 1957 Fala, amendoeira
• 1962 A bolsa & a vida
• 1966 Cadeira de balanço
• 1970 Caminhos de João Brandão
• 1972 O poder ultrajovem e mais 79 textos em prossa e verso
• 1974 De notícias & não-notícias faz-se a crônica
• 1977 Os dias lindos
• 1978 70 historinhas
• 1981 Contos plausíveis
• 1984 Boca de luar
• 1985 O observador no escritório
• 1986 Tempo vida poesia
• 1987 Moça deitada na grama
• 1988 O avesso das coisas
• 1989 Auto-retrato e outras crônicas




ALTRE PUBBLICAZIONI:

– LETTERATURA PER RAGAZZI –

• 1983 O Elefante
• 1985 História de dois amores
• 1988 O pintinho

– TRADUZIONI –

• 1943 Thérèse Desqueyroux, di François Mauriac (Francia)
• 1947 Les Liaisons dangereuses, de Choderlos de Laclos (Francia)
• 1954 Les Paysans, de Balzac (Francia)
• 1956 Albertine disparue, ou La Fugitive, de Marcel Proust (Francia)

• 1959 Doña Rosita la Soltera, de García Lorca (Spagna)

• 1960 Oiseaux-Mouches Ornithorynques du Brésil, de Descourtilz (Francia)
• 1962 L’Oiseau bleu, de Maeterlinck (Francia)
• 1962 Les Fourberies de Scapin, de Molière (Francia)

• 1963 Sult, de Knut Hamsun (Norvegia)

e numerosi poeti: Vicente Aleixandre, Guillaume Apollinaire, Bertolt Brecht, Aimé Césaire, Paul Éluard, Léon Felipe, Nicolás Guillén, Heinrich Heine, Juan Ramón Jiménez, García Lorca, Jacques Prévert, Pedro Salinas, Jules Supervielle

PREMI & ONORIFICENZE:

• 1959 Premio Padre Ventura per la sua traduzione di Frederico García Lorca
• 1962 Premio Padre Ventura per le sue traduzioni di Maeterlink e Molière
• 1963 Premio Fernando Chinaglia dell'União Brasileira de Escritores
• 1963 Premio Luísa Cláudio de Sousa, del PEN Clube do Brasil
• 1974 Premio di Poesia dell'Associação Paulista de Críticos Literários.
• 1975 Premio Nacional Walmap de Literatura
• 1975 Premio Brasília de Literatura, della Fundação Cultural do Distrito Federal (rifiutato dall'autore)
• 1980 Premio di Giornalismo Estácio de Sá
• 1980 Premio di Poesia Morgado Mateus
• 1982 Dottore honoris causa dell'Università Federale del Rio Grande do Norte
• 1983 Troféu Juca Pato (rifiutato dall'autore)

*

________________
POESIE ON LINE


  • Estratte da Alguma poesia (1930) :
1
2
3
4
5
6
7
8
A rua diferente
Infância
No meio do caminho
Poema de Sete Faces
Poesia
Quadrilha
Sentimental
Também já fui brasileiro...
La via è diversa
Infanzia
Nel mezzo del cammino
Poesia a sette facce
Poesia
Quadriglia
Sentimentale
Anch’io un tempo ero brasiliano...


  • Estratte da Brejo das almas (1934) :
1
2
3
4
5
Aurora
Não se mate
Necrológio dos desiludidos do amor
Segredo
Soneto da perdida esperança
Aurora
Non ucciderti
Necrologio dei disillusi dall’amore
Segreto
Sonetto della speranza perduta


  • Estratte da Sentimento do Mundo (1940) :
1
2
3
4
5
6
7
A noite dissolve os homens
Congresso Internacional do Medo
José
Mãos dadas
Menino chorando na noite
Os ombros suportam o mundo
Sentimento do mundo
La notte dissolve gli uomini
Congresso Internazionale della Paura
José
Per mano
Bimbo che piange nella notte
Le spalle sorreggono il mondo
Sentimento del mondo


  • Estratte da A rosa do povo (1945) :
1
2
3
4
5
6
7
8
A Flor e a Náusea
Carrego comigo
Consolo na praia
Fragilidade
Morte do leiteiro
Nova Canção do Exílio
Passagem do Ano
Vida menor
Il fiore e la nausea
Porto con me
Conforto sulla spiaggia
Fragilità
La morte del lattaio
Nuova canzone dell’esilio
Il passaggio dell’anno
Vita minore


  • Estratte da Claro enigma (1951) :
1
2
3
Amar
Memória
Ser
Amare
Memoria
Essere


  • Estratte da Fazendeiro do ar (1954) :
1
Lagoa
Stagno


  • Estratte da As Impurezas do Branco (1973) :
1
Amor e seu tempo
L’amore e il suo tempo


  • Estratte da Discurso de Primavera e Algumas Sombras (1977) :
1
2
A palavra mágica
Visão de Clarice Lispector
La parola magica
Visione di Clarice Lispector


  • Estratte da Corpo (1984) :
1
2
3
As sem-razões do Amor
Ausência
Verdade
Le non-ragioni dell’Amore
Assenza
Verità


  • Estratte da Amar se Aprende Amando (1985) :
1
2
Além da Terra, além do Céu
O tempo passa? Não passa...
Al di là della Terra, al di là del Cielo
Il tempo passa? Non passa...


  • Estratte da Farewell (1996) :
1
2
A casa do tempo perdido
A um Ausente
La casa del tempo perduto
A un assente








Nessun commento:

Posta un commento